• 081934884
  • scuolaroccapiemonte@alcantarine.org

Archivio mensile 30/04/2021

Spring is around us…

Spring is around us…an exploring lesson to learn and have fun….

Oggi in giardino abbiamo fatto esperienza, attraverso i nostri sensi e grazie alle meraviglie della natura della bellezza della primavera.

Abbiamo scoperto la Spring fruit e ci siamo trasformate in tante piccole fragolette ed abbiamo mimato una simpaticissima canzone….a magic atmosphere!

Gli animali, la nostra amica Tartala!

CLASSE II

Questa mattina i bambini della classe seconda hanno trascorso del tempo in giardino sperimentando cosa fa l’etologo.

Hanno fatto subito amicizia con la graziosa tartaruga, Tartala, che la loro maestra ha portato a scuola per sperimentare in cosa consiste il mestiere dell’etologo, osservando così la graziosa tartaruga, il suo guscio il comportamento di questo piccolo animale.

Riportiamo qualche frase di cosa descritto:

“Questa mattina la nostra maestra ha portato la sua tartaruga di terra.”

“Siamo andati tutti in giardino e ognuno di noi si è trasformato in un piccolo etologo.”

“Abbiamo osservato la tartaruga e descritto il suo aspetto e il suo comportamento.”

LE PARTI DELLA PIANTA

Oggi i bambini della nostra classe prima sono andati avanti nel viaggio nel mondo degli esseri viventi.

I bambini sono usciti in giardino e hanno analizzato e descritto le varie parti della pianta.

E ne hanno raccolto anche qualche frutto.

22 ° Giornata mondiale della terra.

Ther’s not a Planet b!

I nostri bambini delle due classi della scuola dell’infanzia, hanno lavorato attraverso diversi laboratori sulla bellezza, la conoscenza e la custodia della terra.

Attraverso un cartone animato e delle attività laboratoriali sulla gestione dei rifiuti, i bambini hanno imparato a differenziare i rifiuti, perchè i nostri amici alberi, e tutta la terra vanno custoditi e difesi.

Perchè una giornata mondiale sulla terra?

Il Papa ci esorta nel suo tweet, a prenderci cura della terra:” Abbiamo spezzato i legami che ci univano al Creatore, agli altri esseri umani e al resto del creato.

Abbiamo bisogno di risanare queste relazioni danneggiate, che sono essenziali per sostenere noi stessi e l’intero tessuto della vita.”

https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2021-04/giornata-della-terra-22-aprile-videomessaggio-papa-francesco.html

Anche alcuni governatori hanno promosso il loro impegno per una maggior custodia della Terra

https://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2021/04/22/giornata-della-terra-e-corsa-contro-la-febbre-del-pianeta_099813c0-931e-4990-ae3a-b202bfe76c6b.html

“Esperienza sulla semina”

La classe seconda ha affrontato l’argomento piante durante la DID soffermandosi sulla germinazione di alcuni semi.

Le attività proposte sono state caratterizzate dalle seguenti fasi:

Osservazione e sperimentazione.

Discussione collettiva

Verbalizzazione e rappresentazione grafica.

Produzioni scritte degli eventi osservati

I bambini hanno scoperto gli elementi necessari per la germinazione(acqua, aria, luce e calore) e hanno mostrato un grande entusiasmo vedendo il loro seme trasformarsi in una bellissima piantina.

Da queste osservazioni è nata una riflessione: ogni seme è diverso dall’altro e ogni seme ha bisogno di tempo diverso per poi sviluppare la pianta.

Abbiamo paragonato i semi ai bambini , ogni bambino è diverso da un altro bambino e ciascuno ha bisogno di tempo diverso per crescere ed imparare.

Spring is here…

Spring is here…spring is here….sulla melodia di una simpatica filastrocca in lingua inglese ci siamo trasformati in tanti uccellini colorati….orange,pink,blue,green and yellow birds….

Ci siamo raggruppati per colore ed abbiamo affinato la nostra listening ability nel farci avanti al richiamo del nostro colore…..our motto: learn with fun!

Lotta con noi per la parità dei nidi e delle materne paritarie.

Il 19 aprile parte la mobilitazione dei nidi e delle materne paritarie no profit: obiettivo per tutti gratuità e parità scolastica.


La FISM “La legge c’è ma chiede pari doveri dimenticando i pari diritti. Eppure siamo scuole che fanno servizio pubblico, senza fini di lucro, per mezzo milione di bambini”.

La chiedono da anni.

Vogliono che la parità non stia solo nella legge ma si concretizzi in un sostegno da parte dello Stato. Sperano di continuare a svolgere il loro servizio e di veder cancellate le disparità che colpiscono il loro personale – operante nell’unico sistema voluto dalla Legge 62/2000 – e le famiglie che iscrivono i figli nelle loro scuole.

Quelle dell’infanzia paritarie: in larghissima parte d’ispirazione cattolica, ma non solo.

Una cosa è certa: “Senza il sostegno economico delle parrocchie e delle amministrazioni comunali, senza il contributo alla gestione da parte delle famiglie e senza il prezioso volontariato che le caratterizza, molte avrebbero già chiuso i battenti lasciando interi territori privi di un servizio fondamentale qual è la scuola dell’infanzia..:”, dicono ai vertici della FISM, la Federazione Italiana Scuole Materne, una realtà che –in Italia- coinvolge quasi novemila realtà educative, oltre mezzo milione di bambine e bambini, oltre quarantamila persone fra insegnanti e collaboratori.


Ora però, il trascinarsi della situazione generale, compresa la pandemia con le sue incertezze, non lascia più margini di tempo per aspettare ancora quel riconoscimento atteso invano da anni. E da lunedì 19 aprile 2021- – gestori, educatori, maestre, genitori, sostenitori delle materne paritarie saranno impegnati a sostenere un‘ iniziativa nazionale che si concretizzerà in una petizione dalle forti ambizioni, quanto ai numeri, nonché nell’affissione di un manifesto in tutti gli asili nido e le scuole dell’infanzia paritarie d’Italia, per indicare il loro obiettivo non più procrastinabile, decisi a veder superare l’ingiustizia subita, resa ancor più insopportabile dall’ esperienza della pandemia. Appunto: la gratuità e la parità, scritta a chiare lettere su migliaia e migliaia di striscioni che in queste ore fasciano migliaia di edifici dal Nord al Sud. Una mobilitazione nazionale che in questo settore non ha precedenti.


“Il permanere delle differenze nel sostegno pubblico tra la scuola statale e quella paritaria gestita dal Terzo settore vanifica le ragioni stesse della Legge 62/2000 e non è più tollerabile.

Chiediamo solo che si attui il dettato costituzionale e legislativo, affinché siano definitivamente eliminate le disparità di trattamento economico che le famiglie che usufruiscono delle scuole paritarie devono subire. Garantire a ciascuna famiglia parità di trattamento, nella libera scelta di una scuola dell’infanzia paritaria o statale è obiettivo
prioritario di questa mobilitazione”, ribadisce la FISM nella nota che comunica il coinvolgimento di tutte le sue sedi in ogni regione e provincia.


L’auspicio è quello che Parlamento e istituzioni giungano ad un intervento risolutivo che, anche a vantaggio della ripresa demografica del Paese e nell’ambito delle applicazioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, sostenga i necessari investimenti nell’intero segmento zero-sei senza più discriminazioni. Non è tutto: “Le 9000 realtà educative della FISM sono pronte ad essere una leva di investimento di grande valore sociale. e sarebbero in grado di raddoppiare la loro offerta di posti, se adeguatamente finanziate, contribuendo a consentire uno sviluppo dei servizi educativi per i bambini in età zero-tre anni, di cui l’Italia è carente e garantendo il mantenimento del segmento tre- sei anni”, fanno sapere alla FISM.


E’ quello che chiede la maggior parte delle giovani famiglie italiane che grazie ad una fruizione gratuita delle scuole dell’infanzia potrebbe offrire un rilevante contributo alla ripresa generale del Paese

MISURE IN CLASSE TERZA!

In classe terza oggi abbiamo iniziato il nostro percorso sulle misure.

Dopo aver ragionato sulla parte teorica si passa alla pratica.

Grazie all’aiuto del metro abbiamo capito come poter misurare gli oggetti in classe e non solo…

Abbiamo poi fatto un esperimento per capire attraverso le nostre ipotesi, la loro forma corretta.